GNOCCHI RIPIENI CON PORCINI E CASTAGNE SU CREMA DI BAGOSS

Con l’inizio di settembre ricomincia il nostro appuntamento mensile con le mitiche sfide dell’ MTChallenge!  Questo mese siamo alla sfida n. 59,  la decima per me e, la ricetta ci viene proposta dalla vincitrice della sfida n.58  Annarita Rossi e dal suo blog Il Bosco di Alici . 

Annarita ha scelto per noi gli gnocchi! Sono sincera, ho tirato un sospiro di sollievo appena ho letto l’articolo sul nuovo e bellissimo sito MTChallenge! Non che io sia una maestra del settore, ma fare gnocchi a casa mia è un’arte antica tramandata di generazione in generazione.

Da piccola aiutavo mia nonna, lei li preparava con il classico ragù e rigorosamente il giovedì! Io sono un tantino più fantasiosa : li amo con il gorgonzola oppure con lussurioso sughetto di pesce!

Per questa sfida, mi sono lanciata in una ricetta completamente nuova, sia nella forma che nella sostanza,  avevamo da scegliere tra 3 ricette di gnocchi e subito ho deciso di preparare gli gnocchi ripieni.

Già da tempo avrei voluto provare, ma non avevo ancora una ricetta valida, la sfida di Annarita è stata l’occasione giusta!

Non so come mai, ma leggendo il nome del suo blog, Il Bosco di Alici, ho subito pensato ai sapori del bosco, da lì ad avere l’idea per il ripieno è stata quasi un attimo : porcini e castagne!

Il condimento? Una delizia di crema al Bagoss, una goduria per occhi e palato!

gnocchiporciniVERT

Sfida MTChallenge n.59

bannergnocchi

GNOCCHI RIPIENI CON PORCINI E CASTAGNE SU CREMA DI BAGOSS

( dose per 3 / 4 persone )

INGREDIENTI PER GLI GNOCCHI :

  • 600 g di patate rosse,
  • 130 g di farina “00”,
  • 1 uovo.

INGREDIENTI PER IL RIPIENO :

  • 50 g di castagne secche,
  • 200 g di funghi porcini freschi ( ma se non li avete vanno bene congelati)
  • sale e pepe,
  • 1 spicchio d’aglio in camicia,
  • olio extravergine di oliva.
  • mezzo bicchiere di vino bianco,
  • un mazzetto di prezzemolo.

gnocchiporciniALTO

INGREDIENTI PER LA CREMA AL BAGOSS:

  • 500 ml di latte,
  • 2o0 g di Bagoss ( formaggio a pasta extra dura tipico di Brescia )
  • 100 g di Parmigiano Reggiano,
  • 50 g di burro,
  • 30 g di farina “00”,
  • sale e pepe.
  • un mazzetto di timo fresco.

gnocchiporciniVERT2

PROCEDIMENTO : Lessate  per circa mezz’ora le castagne secche in abbondante acqua non salata, scolatele e tenete da parte. In una padella versate appena un filo d’olio extravergine di oliva e uno spicchio d’aglio in camicia, lasciate rosolare per qualche minuto e poi aggiungete i porcini tagliati a pezzi.

Se usate i funghi congelati dovrete prima lasciarli scongelare in frigorifero e poi potete procedere a tagliarli a pezzi e cucinarli. Lasciate cuocete i porcini a fuoco dolce, mescolando di tanto in tanto, aggiustate di sale e pepe, unite le castagne lessate precedentemente e sfumate con il vino bianco. Mescolate e procedete con la cottura per ulteriori 20 minuti circa. Unite una manciata di prezzemolo tritato e spegnete il fuoco.

gnocchiporciniCASTAGNE

Passate il tutto al mixer in immersione fino ad ottenere una purea omogenea.

Lavate le patate, asciugatele e mettetele con tutta la buccia su una pirofila a cuocere a 200 ° C in forno già caldo per circa 45 / 50 minuti, se le patate sono molto grandi occorrerà più tempo.

gnocchiporciniPATATE

Una volta che le patate saranno cotte vi dovrete armare di pazienza e sbucciarle quando sono ancora calde. Stendetele sulla spianatoia e con l’aiuto di una forchetta schiacciatele per bene, allargatele in modo da far uscire tutto il vapore. Se necessario , passatele al tritapatate in modo da essere certi di non tralasciare nessun piccolo pezzo di patata.

Aggiungete man a mano la farina e l’uovo. Amalgamate fino a formate una pagnottina.

gnocchiporciniIPREP

Prelevate dei pezzi di circa 20 g ciascuno, appiattiteli, farcite con il ripieno ai porcini e castagne e richiudete delicatamente, formate delle palline lasciando roteare nel palmo delle mani.

gnocchiporciniCOLLAGEPALLINE

Mentre mettete su l’acqua per cuocere gli gnocchi, preparate la crema di Bagoss. Lasciate fondere il burro in un pentolino, unite la farina e fatela stemperare. A parte, scaldate il latte e, quando arriva a bollore, aggiungete il composto di burro e farina mescolando accuratamente. Aggiustate di sale e pepe e unitevi il Bagoss e il Parmigiano Reggiano a piccoli pezzi.

gnocchiporciniPEZZO

Continuate a cuocere a fuoco basso mescolando con l’aiuto di una frusta fino a quando il formaggio non sarà completamente sciolto e la besciamella addensata.

Lessate gli gnocchi in acqua bollente salata e scolateli appena torneranno in superficie. Uniteli subito alla crema di Bagoss , cospargete con del timo fresco e servite immediatamente e…. Buon Appetito!

gnocchiporciniARTVERT3

Titolo
recipe image
Nome Ricetta
GNOCCHI RIPIENI CON PORCINI E CASTAGNE SU CREMA DI BAGOSS
Pubblicato il
Tempo Preparazione
Tempo Cottura
Tempo Totale
Print Friendly, PDF & Email
(Visited 746 times, 1 visits today)

Ti potrebbe interessare anche...

17 Commenti
  • Giovanna

    14 Settembre 2016 at 16:41 Rispondi

    Ciao Tamara, “goduria” mi sembra la parola giustissima per questo piatto. Eccezionale!!!! Aspetto la prossima ricetta :-)))

    • Tamara

      14 Settembre 2016 at 17:11 Rispondi

      Grazieeeee!!!! 😉

  • Annarita Rossi

    15 Settembre 2016 at 23:27 Rispondi

    Qualche anno fa provai i funghi surgelati per una dieta che dovevo fare ma, lasciandoli scongelare diventarono pappa e , amante come sono dei funghi, non li ho più comprati. Per i funghi sono mooolto selettiva, li mangio solo se so da dove provengono perchè assorbono tutto dal terreno nel quale nascono. Ecco perchè quelli nati sotto ai castagni o faggi sono più saporiti rispetto ai più numerosi del nord europa che però non sanno di nulla. Per non parlare delle intossicazioni. Finito il pippone sui funghi ti dico che gli gnocchi sono perfetti, mi chiedevo se il sapore molto pungente del bagoss non nasconda il ripieno. un bacio Tamara.

    • Tamara

      16 Settembre 2016 at 6:53 Rispondi

      Ciao Annarita! Il pippone su funghi è legittimo, hai perfettamente ragione! I funghi che ho usato erano raccolta dal mio datore di lavoro, fungaiolo da una vita, che mi ha omaggiata di ben 8 kg di porcini ! Non ti dico la “fatica” per pulirli! E’ verissimo che congelati si rischia di farne diventare un pappone, ma con qualche piccola accortezza ed esperienza di ovvia anche a questo “inconveniente” 🙂 . Per il Bagoss è vero che è molto forte come formaggio, infatti per la crema l’ho addolcito con del parmigiano reggiano. Poi per carità, sono gusti : io impazzisco per questo connubio! Bacioni e grazie! 😉

  • alessandra

    16 Settembre 2016 at 9:42 Rispondi

    la Tamara, qui, ci sta diventando proprio brava 🙂
    pero’, proprio per questo… si pippona 🙂
    allora, nulla di diverso da quanto ti ha detto Annarita: il problema e’ che il bagoss spenga il sentore del ripieno. “alleggerirlo” con la panna, in realta’, appesantisce, perche’ comunque aggiungi grassi. E poi, povero bagoss.. e’ talmente buono che va lasciato cosi! Perche’ non provare ad invertire l-ordine? a mettere il bagoss nel ripieno (magari sotto forma di fonduta molto densa (puoi anche addensarla con un tuorlo d’uovo) cosi da poterla lavorare con le mani) e il sugo con cartagne e porcini, saltati nel burro? o la farina di castagne nello gnocco, il bagoss nel ripieno e il sugo bianco di porcini? Mantieni la purezza degli ingredienti, visto che hai usato prodotti di qualita’ e prova a sposarli un po’, nella concezione del piatto. Ovviamente, sono proposte che non vogliono avere nulla di definitivo: ma il piatto e’ talmente bello che la voglia di farlo diventare bellissimo c’e’ 🙂

    • Tamara

      16 Settembre 2016 at 15:42 Rispondi

      Hai Ragione Ale! Anche io avevo pensato di invertire gli ingredienti, funghi e castagne per il condimento e bagoss per il ripieno….magari ci provo uno di questi giorni! 😉 Grazie mille cara!

  • Marina

    16 Settembre 2016 at 17:30 Rispondi

    Io non conosco il bagoss lo confesso e quindi non posso dir nulla ma gli gnocchi e il loro ripieno mi intrigano fortemente! Mi piace il look finale che poi è la prima cosa che sfogliando un ricettario ti fa fermare a vedere come sarà quella ricetta. Brava

    • Tamara

      17 Settembre 2016 at 15:51 Rispondi

      Marina grazie! Infatti è come dici, il colpo d’occhio è una parte importantissima, solo se il look ti conquista vai ad approfondire una ricetta! 😉

  • Alice

    16 Settembre 2016 at 18:07 Rispondi

    Porcini e castagne..super! 😀 Anche io ho pensato subito di fare quelli ripieni perché mi attirava troppo l’idea, e mentre tu sei andata in montagna io sono rimasta al mare…due versioni complementari! 😀 La fonduta deve essere molto golosa…mi piace molto la tua proposta 🙂

    • Tamara

      17 Settembre 2016 at 15:50 Rispondi

      Grazie mille Alice!!!!

  • Vera

    20 Settembre 2016 at 19:55 Rispondi

    Non conosco il bagoss,ma vedendo la foto me lo immagino e…gnam,gnam.
    Belli i tuoi gnocchi!!
    Un saluto
    Vera

    • Tamara

      20 Settembre 2016 at 22:09 Rispondi

      Grazie mille Vera! 🙂

  • sabrina fattorini

    23 Settembre 2016 at 18:46 Rispondi

    Assolutamente libidinosi!!! E non è perché è quasi ora di cena ed a pranzo ho mangiato il passato di verdura e l’insalata! Questi mi facevano venire fame anche dopo il caffellatte!!!

  • Antonella

    25 Settembre 2016 at 7:22 Rispondi

    Bé…..guardo le foto e….acquolina a mille. Un connubio di sapori che mi conquista. Brava davvero. Che altro serve aggiungere?

    • Tamara

      27 Settembre 2016 at 18:04 Rispondi

      Grazie cara!

  • Giorgia

    27 Settembre 2016 at 17:25 Rispondi

    Io una volta avevo preparato dei ravioli di porcini e castagne (i porcini arrivavano da un amico fungaiolo che dopo averci deliziato con la frittura mi aveva regalato tutti gli “scarti”, le cappelle più piccine, un po’ di gambi ecc… già puliti. Ho avuto una fortuna immensa quella volta!!!) con una fonduta di toma di Lanzo. Ed erano deliziosi. Con le patate non oso neppure pensare… che meraviglia! E che belle foto!

    • Tamara

      27 Settembre 2016 at 18:04 Rispondi

      Grazie tante Giorgia!

Inserisci un commento