IMPASTO BASE PER PIZZA – Ricetta facile

Una ricetta a me molto cara quella che sto per condividere oggi! L’impasto base per la pizza! Tutti amiamo la pizza e i mille modi di condirla : bianca, con il pomodoro, ricca di verdure o formaggi! Ma quello che fa la differenza è senz’altro l’impasto base! La mia ricetta è super collaudata, ormai da generazioni! Fidatevi, e avrete una pizza più buona della vostra pizzeria di fiducia!

IMPASTO BASE PER PIZZA – Ricetta facile

 

INGREDIENTI PER CIRCA 4 PIZZE AL PIATTO :

  • 500 g di farina,
  • un panetto di lievito fresco di birra ( 20 g ) oppure 160 g di lievito madre rinfrescato,
  • 50 ml di olio d’oliva,
  • 1 cucchiaino di zucchero,
  • un pizzico di sale e 250 ml di acqua tiepida.

impastobasepizzaART

PROCEDIMENTO : Con la stessa ricetta possiamo decidere se ottenere la classica focaccia alta e soffice oppure la pizza al piatto molto più bassa e sottile. Innanzitutto sciogliete il lievito nell’acqua tiepida, unite la farina, l’olio , lo zucchero e per ultimo il sale. Sia che impastiate a mano o con l’impastatrice dovrete ottenere un impasto morbido e omogeneo. Ponete l’impasto in una ciotola unta con un filo d’olio, coprite con un canovaccio e lasciatela lievitare per circa 4 / 6 ore ( sia con lievito di birra che lievito madre). Dopo aver messo a lievitare , ogni due ore circa riprendete l’impasto e eseguite la pirlatura ( un processo che permette all’impasto di inglobare aria : per vedere come si effettua cliccate qui ). Una volta pirlato, riponete di nuovo l’impasto ben coperto a lievitare fino al temine del tempo indicato. Al temine del tempo necessario, e comunque non prima che il volume dell’impasto sia raddoppiato, potete decidere se utilizzarlo per una focaccia alta o per la pizza più sottile. La quantità di impasto della ricetta è sufficiente per una focaccia alta da cuocere al testo, oppure 2 pizze sottili sempre al testo, o infine 4 pizze al piatto, a voi la scelta. Vi spiego di seguito come procedere:

  • FOCACCIA ALTA : Prendete l’impasto al termine della lievitazione, ponetelo in un testo per pizza di quelli rettangolari precedentemente unto con dell’ olio d’oliva (abbastanza ma non troppo, l’ideale è ungerlo con della carta da cucina bagnata d’olio ). Poggiate l’impasto della focaccia sopra al testo e stendetelo lentamente solo con l’aiuto delle mani , molto delicatamente, senza rompere la lievitazione. Al temine punzecchiate la superficie con la punta delle dita e mettete di nuovo a lievitare per almeno un’ora, al termine conditela a piacere, per poi procedere a cottura ( esempio : bianca con olio, sale e rosmarino, oppure rossa con pomodoro,  mozzarella e origano ).
  • PIZZE AL TESTO : Dividete l’impasto ottenuto in 2 panetti uguali. Stendeteli con l’aiuto di un matterello. Ponete le due pizze nei due testi rettangolari precedentemente unti con dell’olio d’oliva e ponete di nuovo a lievitare per un ‘oretta prima di condirle a piacimento per poi procedere a cottura.
  • PIZZE AL PIATTO : Dividete l’impasto ottenuto in 4 parti uguali. Stendete ogni panetto con l’aiuto di un matterello in 4 dischi della stessa grandezza. Poneteli negli stampi circolari per pizza precedentemente unti con dell’olio d’oliva. Ponete nuovamente a lievitare per un’oretta, al termine condite le pizze a vostro gusto per poi procedere a cottura.

Cuocete a forno già caldo a 250 °C per circa 20 / 30 minuti. Sfornate e servite calda e fumante!

CONSIGLIO : Provate a fare una lievitazione lenta in frigo, otterrete una pizza altamente digeribile e super soffice. Procedete impastando come sopra  usando 130 g di lievito madre oppure 8 g di lievito fresco di birra, chiudete l’impasto in ciotola chiusa e riponete in frigo dalle 12 alle 22 ore. (Esempio : impastate la sera alle 20 e riprendete l’impasto l’indomani alle 8 circa oppure direttamente al pomeriggio intorno alle 16 ). Trascorso il tempo necessario ponete la ciotola con l’impasto fuori dal frigo, lasciatela a temperatura ambiente per almeno 4 ore. Trascorse le 4 ore procedete alla pirlatura ad intervalli di 2 ore per poi procedere come sopra. Pizza super speciale garantita! Provare per credere!

Print Friendly, PDF & Email
(Visited 3.318 times, 1 visits today)

Ti potrebbe interessare anche...

Titolo
recipe image
Nome Ricetta
IMPASTO BASE PER PIZZA
Pubblicato il
Tempo Preparazione
Tempo Cottura
Tempo Totale
Voto Medio
41star1star1star1stargray Based on 2 Review(s)
9 Commenti
  • Marianna

    16 Maggio 2014 at 7:25 Rispondi

    Tutti consigli preziosi! Io faccio un impasto base per la pizza simile al tuo, con un pochino di olio in meno che compenso con l’acqua, ma proverò anche il tuo! E sebbene il segreto della buona riuscita della pizza sia nella cottura (per questo ideale il forno a legna), ho sperimentato che alla fine una buona ricetta di base si può ottenere un’ottima pizza anche in casa con il forno elettrico. 😉
    Proverò la tua ricetta, magari anche con il lievito madre! 🙂

    • Tamara

      16 Maggio 2014 at 8:45 Rispondi

      Grazie Marianna !..aspetto allora di sapere come ti sei trivata con la mia ricetta. .:)..a presto !

  • Ciaty

    23 Maggio 2014 at 19:54 Rispondi

    La tua ricetta sembra molto interessante!! 🙂 Volevo chiederti che tipo di farina utilizzi?

    • Tamara

      23 Maggio 2014 at 20:15 Rispondi

      Ciao ! ;)….io uso sempre una comune farina “0”…vedrai che qualsiasi farina userai il successo è assicurato !!!…;)..fammi sapere come ti sei trovata con la mua ricetta! A presto ! 🙂

  • Margherita

    23 Maggio 2014 at 21:34 Rispondi

    La tua ricetta e’ quasi uguale alla mia . Io le metto a cuocere sulla pietra refrattaria , sembrano cotte sul forno a legna. 🙂

    • Tamara

      23 Maggio 2014 at 21:46 Rispondi

      Benissimo :)…mi da molto piacere ! Allora sai di certo come è buona !! 😉

  • Camillam

    23 Maggio 2014 at 21:45 Rispondi

    Ciao! Secondo te potrei realizzare questa ricetta utilizzando il lievito di birra in polvere? Come mastro fornaio per intenderci 🙂

    • Tamara

      23 Maggio 2014 at 22:04 Rispondi

      Ciao cara ,sinceramente non so che dirti.Il lievito che mi hai menzionato non lo conosco : se si tratta di lievito secco devi cercare l’equivalente dose da utilizzare.Se è un lievito istantaneo allora te lo sconsiglio. ..;)..a presto !

  • Margherita

    23 Maggio 2014 at 21:52 Rispondi

    Buonissima !!!!!! 🙂

Inserisci un commento