REGINETTE AL FARRO CON CARCIOFI E GAMBERI ALL’ARANCIA

Un tempo, quando tutto scorreva lento, quando la vita dei campi era la routine quotidiana e tutto quello che si portava in tavola era il frutto del proprio lavoro , c’era un  piatto dei giorni di festa, il tipico piatto della domenica : la pasta fatta in casa. Quanti di noi oggi hanno il piacere di provare a fare la pasta come le nostre nonne? E non perché sia difficile, anzi! Secondo me non c’è cosa più facile! La vera difficoltà è il tempo. Il tempo tiranno dei nostri giorni che ci fa andare sempre di corsa, noi non viviamo, noi corriamo, sempre. E questo , credo , sia il nostro male! Prendiamocelo questo tempo, prendiamocelo per fare ciò che più amiamo, e magari, se avete come me, la voglia di mettervi a pasticciare, non c’è cosa che vi dia più soddisfazione di preparare la pasta per la vostra famiglia o per chi amate! Nasce così la ricetta delle mie reginette al farro, una domenica mattina di primavera, i ragazzi fuori a giocare ed io con la voglia di cucinare, come sempre!

REGINETTE AL FARRO CON CARCIOFI E GAMBERI ALL’ARANCIA

 

INGREDIENTI PER 4 PERSONE : 

 

per le reginette occorrono:

  • 300 g di farina di farro ( io ho usato la farina dell’Antico Molino Santa Chiara),
  • 100 g di semola di grano duro,
  • 1 cucchiaio d’olio extravergine di oliva,
  • 4 uova,
  • un pizzico di sale.

 

per il condimento occorre :

  • 500 g di code di gambero,
  • il succo di un arancia,
  • sale e pepe q.b.
  • 4 carciofi,
  • un limone,
  • mezza cipolla di Tropea,
  • olio extravergine di oliva,
  • mezzo bicchiere di vino bianco,
  • 2 cucchiai di pane grattato,
  • la scorza grattugiata di un’arancia bio.

reginettefarroART

 

PROCEDIMENTO : Preparate l’impasto per le reginette. Impastate la farina e la semola con le uova, un pizzico di sale e l’olio evo. Formate un panetto morbido ed omogeneo, coprite con la pellicola e poi con un canovaccio e lasciate riposare per almeno mezz’ora. Nel frattempo dedichiamoci al condimento. Puliamo le code di gambero e lasciamole a marinare nel succo d’arancia con appena un pizzico di sale e pepe. Puliamo i carciofi, priviamoli delle foglie esterne e della barba interna, strofiniamoli con il succo di un limone e mettiamoli a bagno in acqua fredda. Dopo una mezz’oretta riprendete i carciofi, metteteli ad asciugare capovolti su di un canovaccio e successivamente tagliate a fettine. Preparate le reginette. Stendete l’impasto al farro in tante sfoglie sottili con l’aiuto della macchina per sfogliare, poi con un rullo dentato formate le reginette ( io ho usato il rullo della Tescoma ), naturalmente se non avete un rullo simile potete sempre fare le più classiche tagliatelle.

reginettefarroCOLLAGE

 

Man mano che preparate la pasta mettetela ad asciugare su di un vassoio ben infarinato per evitare che si attacchi. Mettete a bollire l’acqua per la pasta.

reginettePREP3

 

In un’ampia padella antiaderente versate l’olio evo e la cipolla tagliata a fettine sottili. Lasciate appassire ed unite i carciofi, salate e fate cuocere a fuoco medio per una decina di minuti. Sfumate con il vino bianco alzando la fiamma, una volta che sarà completamente evaporato unite mezzo bicchiere di acqua e mezzo bicchiere di spremuta di arancia, coprite e fate cuocere a fuoco medio per una ventina di minuti. Aggiungete i gamberi, aggiustate di sale e pepe e fate cuocere per dieci minuti. In un’altra padella versate un cucchiaio d’olio evo, unite il pane grattato e la scorza di aranza grattugiata e fate tostare mescolando il tutto con un cucchiaio di legno. Cuocete la pasta al dente in abbondante acqua saltata, scolate e versate nel condimento di carciofi e gamberi. Ultimate cospargendo il tutto con pane e arancia tostati e .. Buon Appetito!

reginettefarroFINEART

 

Titolo
recipe image
Nome Ricetta
REGINETTE AL FARRO CON CARCIOFI E GAMBERI ALL'ARANCIA
Pubblicato il
Tempo Preparazione
Tempo Cottura
Tempo Totale
Voto Medio
11stargraygraygraygray Based on 1 Review(s)
Print Friendly, PDF & Email
(Visited 279 times, 1 visits today)

Ti potrebbe interessare anche...

2 Commenti
  • Fabio

    24 Marzo 2016 at 11:46 Rispondi

    Vero, almeno la domenica e nei giorni di festa bisognerebbe dedicarsi alla cucina in maniera più piena. Mi piace molto questo piatto, molto primaverile.

    Fabio

    • Tamara

      24 Marzo 2016 at 14:14 Rispondi

      Grazie mille Fabio!

Inserisci un commento